Lega Pro, restano pochi giorni per formalizzare l'iscrizione: Lanciano e Carrarese in grande difficoltà

23.06.2016 19:30 di Andrea Ferrari Twitter:   articolo letto 973 volte
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com
Lega Pro, restano pochi giorni per formalizzare l'iscrizione: Lanciano e Carrarese in grande difficoltà

In questi giorni si decide chi parteciperà alla prossima Lega Pro, contando che il 18 luglio sarà il momento di comporre ufficialmente i gironi del prossimo campionato. Il 24 giugno (domani) dovrà essere presentata la prima documentazione, che nel dettaglio consiste in queste nel seguente adempimento:

1) depositare presso la Co.Vi.So.C. una dichiarazione attestante l’avvenuto pagamento degli emolumenti dovuti fino al mese di maggio 2016 compreso – ai tesserati, ai dipendenti e ai collaboratori addetti al settore sportivo – con contratti ratificati dalla competente Lega o l’esistenza di contenziosi allegando la documentazione comprovante la pendenza della lite non temeraria;

2) depositare presso la Co.Vi.So.C. una dichiarazione attestante l’avvenuto pagamento dei compensi, ivi compresi gli incentivi all’esodo, dovuti ai tesserati, fino al mese di maggio 2016 incluso, in forza di accordi, depositati presso la Lega competente, direttamente e/o indirettamente collegati al contratto economico, fatta salva l’esistenza di contenziosi per i quali andrà allegata la documentazione comprovante la pendenza della lite non temeraria. L’inosservanza del suddetto termine, anche con riferimento ad uno soltanto degli adempimenti previsti dai precedenti punti 1) e 2), costituisce illecito disciplinare ed è sanzionata, su deferimento della Procura Federale, dagli organi della giustizia sportiva con la penalizzazione di un punto in classifica da scontarsi nel campionato 2016/2017.

Poi, il 30 giugno, la tassativa scadenza del deposito della domanda d'iscrizione. Un termine inderogabile, e considerando il fatto che moltissime società hanno problemi economici, è possibile che non avranno la possibilità di iscriversi al campionato.
In Lega Pro rischiano moltissimo la Virtus Lanciano
, già in grande difficoltà nel finale dello scorso campionato cadetto, e la Carrarese, dal momento in cui nessuno si presenta all'asta per l'acquisizione della società. Il Livorno spera nella riammissione in Serie B, essendo il Brescia molto vicino ad uno storico fallimento (ce lo dice ilgiornaledibrescia.it). 

In Lega Pro si tornerà a 60 squadre partecipanti, per cui avverranno quasi sicuramente 6 ripescaggi, ma vista la situazione critica, questi potrebbero diventare addirittura 10. Saranno sicuramente escluse le società che hanno una sanzione per illecito sportivo, quelle che non hanno scontato la sanzione per il mancato pagamento degli emolumenti e quelle che non hanno uno stadio a norma. Lo scenario è apertissimo e le prime a sperare nella riammissione sono Taranto e Reggina, con quest'ultima che quindi tornerebbe nel calcio professionistico dopo qualche tempo di oblio.