Lega Pro, il pres. Gravina a TLP: "Ecco la situazione ripescaggi, gironi e calendari"

18.07.2016 12:00 di Andrea Ferrari Twitter:    Vedi letture
Lega Pro, il pres. Gravina a TLP: "Ecco la situazione ripescaggi, gironi e calendari"

Il presidente della Lega Pro Gabriele Gravina ha lasciato dichiarazioni importanti a TuttoLegaPro.com: si parla di iscrizioni, ripescaggi, fidejussioni, gironi, calendari, maglie personalizzate ed altro. Riportiamo qui di seguito i punti cardine dell'intervista:

1) Delle 54 squadre aventi diritto all'iscrizione, Martina Franca e Sporting Bellinzago non hanno presentato la domanda. La Caronnese, dalla D, sostituirà una delle due. In più, Rimini, Pavia e Lanciano non hanno presentato il ricorso e sono fuori. Quindi, i vuoti da colmare con ripescaggi, dovendo arrivare a 60 squadre, sono ben 10. 

2) Quest'anno non c'è il rischio di inserire società in extremis, perché entro il 26 luglio tutte le società interessate, sia quelle aventi diritto che quelle che devono aspettare lo scorrimento, dovranno presentare la domanda di ripescaggio. Dopo non sarà più possibile per nessuno. Il termine perentorio, quindi, è quello del 26 luglio: chi non presenterà domanda entro quel giorno farà sicuramente un altro campionato. Il 27 luglio il Consiglio di Lega si riunirà per esaminare le domande, che poi saranno inviate alla Covisoc per tutti i controlli. Il 4 agosto, di mattina, il Consiglio Federale deciderà sui ripescaggi; l'8 agosto, invece, saranno stilati i calendari. A differenza dell'anno scorso, non ci saranno X o Y nei calendari, perché non ci sarà più possibilità di aggiungere squadre ripescate. Saranno già decise. 

3) I gironi? Non sarà possibile definirli fino a quando non sappiamo quali società saranno in Lega Pro. Come detto, il 4 agosto sapremo le ripescate. Parma e Venezia? Da nessuna parte c'è scritto che devono stare in due gironi distinti. Sono due società importanti per il calcio italiano ma con gli stessi diritti di tutte le altre. Se riterremo che, ad esempio, l'Emilia-Romagna dovrà stare in un girone a parte rispetto al Veneto, allora le due compagini non si incontreranno. Ma la possibilità che si possano ritrovare insieme c'è. Tutto, ripeto, dipende dalla geografia dei club ripescati. 

4) La Lega Pro si chiamerà ancora così quest'anno. Poi faremo un sondaggio generale che si aprirà con l'inaugurazione del nostro nuovo sito: apriremo una serie di confronti su questo tema. Ove dovesse emergere la volontà generale, che rafforzerebbe la mia scelta politica, allora ci chiameremo Serie C. 

5) Ogni società avrà i numeri di maglia personalizzati, così come i nomi scritti dietro. E' una norma che dovrà essere rispettata, come già detto, da ogni partecipante alla prossima stagione di Lega Pro
.