Qui Sudtirol: salvezza obbiettivo primario. I punti arrivano dalla panchina

26.11.2015 09:00 di Nicolò Casali   Vedi letture
© foto di Emanuele Taccardi
 Qui Sudtirol: salvezza obbiettivo primario. I punti arrivano dalla panchina

Non è di certo una quadra che può ambire a qualcosa di più di una tranquilla salvezza, ma il Sudtirol, negli ultimi anni, in casa propria, ci è stato un po' indigesto. Quest'anno, però, i biancorossi, davanti al proprio pubblico, hanno fatto soltanto 6 punti sui 19 collezionati complessivamente; speriamo non invertano la tendenza proprio domenica contro di noi. 

Gli uomini di Mister Stroppa, anch'esso fedelissimo al 3-5-2, rappresentano lo spartiacque del campionato in virtù della loro nona posizione con 5 vittorie, 4 pareggi e 3 sconfitte, frutto di 13 gol fatti e 12 subiti. Come avrete capito, il reparto arretrato non è dei più solidi, mentre l'attacco, dove non trova spazio l'ex grigiorosso Radoslav Kirilov, merita una menzione particolare: la coppia titolare sarebbe Maritato-Tulli (autori rispettivamente di 3 ed 1 gol), ma il bomber è il 20enne Ettore Gliozzi (a quota 5) a cui bastano pochi minuti per lasciare il segno. Ad esempio, contro il Mantova è entrato all'87 ed ha portato i 3 punti, a Pordenone è entrato al 68' e, con una doppietta, ha annullato il doppio vantaggio nero-verde, con la Giana ha servito a Tait l'assist del 2-0 e contro il Lumezzane ha siglato il rigore della vittoria. Dal dischetto aveva segnato anche contro il Pavia al 90', ma in quel caso la situazione era già compromessa. 

Probabilmente assisteremo ad una gara dove le due squadre tenderanno ad annullarsi a vicenda soprattutto per il tipo di gioco espresso, ed il pareggio potrebbe essere accolto da entrambe le parti come un buon risultato.