Gli Eroi della Cremo: Stefano RAZZETTI

La storia del portiere di Pizzighettone che con le sue parate strepitose ha consegnato la promozione in B sotto la guida di Marini
29.08.2014 13:00 di Nicolò Bonazzi  articolo letto 2953 volte
© foto di Luigi Putignano/TuttoLegaPro.com
Gli Eroi della Cremo: Stefano RAZZETTI

Stefano Razzetti fu il vice di Turci negli ultimi anni di Serie A della Cremo e fu il portiere titolare di quella squadra che tornò in B nel 1998 dopo una sola ma dolorosa stagione di C1

L'estremo difensore nativo di Ferie, piccolissima frazione a pochi chilometri da Pizzighettone, è l'ennesimo prodotto del settore giovanile grigiorosso. Razzetti esordisce in Serie A con la maglia grigiorossa nel finale della stagione 1994/95 quando subisce due gol dalla Roma. Nella stagione successiva, l'ultima della Cremo nella massima serie, torna a difendere i nostri pali nel finale di stagione dopo che Turci viene azzoppato da un intervento killer di Paul Ince dell'Inter (fortemente "beccato" dal pubblico cremonese). Quella Cremonese era già una squadra sul viale del tramonto e Stefano subisce quattordici reti in sei incontri, di cui ben sette dal Milan ma nessuno dal Piacenza. I grigiorossi retrocedono e lui viene girato ad Acireale. A conti fatti probabilmente sarebbe stato meglio tenere lui invece che acqustare Doardo, ma alla fine Razzetti torna alla base nella stagione 1997/98, la prima della Cremo in C1 dopo tantissimi anni: e per Stefano arriva la consacrazione. 

Alla guida della squadra c'è Marini, tecnico amato e odiato allo stesso tempo dal pubblico grigiorosso. Stefano è il titolare di una squadra guidata ai vertici della classifica dai gol di Mirabelli e da una squadra giovane ma con tanta voglia di vincere. In quella stagione la Cremonese gioca male ma i risultati arrivano soprattutto grazie ai miracoli di Razzetti. In molte partite (vedi Montevarchi) la squadra sembra non avere un'anima ma il portierone grigiorosso ci mette i guantoni e contibuisce in maniera evidente al secondo posto finale. Si va così ai playoff e la Cremo deve affrontare il Lumezzane. Dopo la vittoria nell'andata i grigiorossi si creano una miriade di problemi che Razzetti risolve salendo sugli scudi e parando l'imparabile: bresciani ko e finale a Perugia contro il Livorno. Davanti a diciannove mila tifosi amaranto la Cremonese, grazie a una punizione di Guarneri, ritorna in B dopo soltanto un anno di inferno. Senza le parate di Razzetti, però, la storia sarebbe stata completamente diversa. 

In cadetteria il buon Stefano non riesce ad essere decisivo come negli anni passati, complice anche una squadra dilaniata dai problemi interni. Nella stagione del famoso pugno a Bonfrisco la Cremonese retrocede senza attenuanti e per Razzetti è arrivato il tempo dei saluti. Nel 1999 emigra in Svizzera, paese che gli riserverà parecchie fortune (due premi come miglior portiere a difesa dei pali di San Gallo e Lugano).

Dopo dieci anni di carriera spesi al di là delle Alpi Razzetti torna nel cremonese, ma stavolta, nella stagione 2008/2009, dopo un debole interessamento della Cremonese, sceglie l'amarcord e firma con il Pizzighettone. Dopo una stagione in cui dimostra di non aver perso lo smalto di un tempo chiude con i professionisti e va a svernare a Sant'Angelo Lodigiano. 

Se avete qualche richiesta particolare legata a un giocatore che vorreste vedere in questa rubrica o se avete semplicemente dei suggerimenti per "Gli Eroi della Cremo", scrivete una mail all'indirizzo n.bonazzi@libero.it. In base alle richieste pervenute si cercherà di accontentare il maggior numero possibile di lettori.